Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

I loro nomi diffusi da l’Espresso

Nella lista dei 27 magistrati per i quali il pg della Cassazione Giovanni Salvi ha avviato l'azione disciplinare con riferimento alle intercettazioni e alle chat con Luca Palamara ci sono altri tre ex consiglieri del Csm (oltre a Marco Mancinetti che si è dimesso a settembre). A pubblicare i loro nomi come destinatari di alcune delle 16 azioni disciplinari, promosse dopo le 11 sfociate in giudizi davanti al Csm (come quelli già in corso ai 5 ex togati per la riunione all'hotel Champagne sul procuratore di Roma) è il sito on line de L’Espresso. Per due degli ex consiglieri - Massimo Forciniti (oggi pubblico ministero a Crotone) e Claudio Galoppi (attualmente consigliere giuridico presso il Senato) - la contestazione è la stessa: aver sollecitato, con Palamara, un emendamento alla legge di stabilità del 2017, poi effettivamente presentato, per modificare la norma che impediva loro di essere nominati ad un ufficio direttivo prima del decorso di un anno dalla cessazione dalla carica di consigliere Csm. Al terzo, Valerio Fracassi, ora a capo dei gip di Brindisi, viene contestato di aver ottenuto da Palamara "di espungere dall'elenco dei posti di imminente pubblicazione quello di presidente di sezione di Brindisi", ufficio dal quale lui stesso proveniva, come scrive il settimanale citando l'atto di incolpazione del Pg. Salvi ha invece incolpato il procuratore di Viterbo Paolo Auriemma perché "al fine di assicurarsi l'elezione al Consiglio di presidenza della Giustizia amministrativa otteneva da Palamara di interloquire e di esprimere il proprio assenso o dissenso sulle pratiche del Csm in grado di avere ripercussioni sulla sua campagna elettorale". Al presidente del tribunale di Brescia Vittorio Masia viene contestato di aver segnalato a Palamara nomi di colleghi, della sua stessa corrente, per posti chiave nel distretto di Brescia. La presidente del tribunale di Firenze Marilena Rizzo invece "avrebbe interloquito con Palamara per dare il suo 'assenso' su alcune nomine", forte del "legame di natura associativa con Palamara".

Fonte: ANSA

Foto © Imagoeconomica

Video

  • All
  • Antonio Ingroia
  • Cosa Nostra
  • Our Voice
  • Palestina
  • Pietro Riggio
  • Salvatore Borsellino
  • Video

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

...

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

by Letizia Battaglia, Sabrina Pisu

...


MAGISTROPOLI

MAGISTROPOLI

by Antonio Massari

...

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

by Gianluigi Nuzzi

...


OSSIGENO ILLEGALE

OSSIGENO ILLEGALE

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

...


LA STRAGE CONTINUA

LA STRAGE CONTINUA

by Raffaella Fanelli

...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy