Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

E' stata annullata dal Tribunale del riesame di Reggio Calabria, presieduto dal giudice Antonino Genovese, l'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip nei confronti di Antonino Gagliostro, detto "u Mutu", arrestato a fine settembre nell'ambito dell'operazione "Eyphemos 2".
L'accusa nei suoi confronti è di autoriciclaggio aggravato dall'aver agevolato la cosca di appartenenza.
Secondo gli inquirenti, infatti, Gagliostro avrebbe "impiegato i proventi delle attività delittuose trasferendoli in attività imprenditoriali in modo da ostacolare concretamente l'accertamento della loro provenienza".
Adesso i giudici hanno accolto il ricorso che era stato presentato dagli avvocati Gregorio Calarco e Vincenzo Giorgio Cotroneo, difensori di Gagliostro.
L'indagato rimane comunque in carcere perché accusato di associazione mafiosa nella prima ordinanza dell'inchiesta "Eyphemos".
Se da una parte ha annullato l'arresto per autoriciclaggio, dall'altra il Riesame ha confermato il sequestro dei beni di Gagliostro disposto dal gip.
Per quanto riguarda il commercialista Gregorio Cuppari, ritenuto il "consigliori" della cosca, inoltre, il Tribunale della Libertà ha sostituito la misura degli arresti domiciliari con il divieto per un anno di esercitare la professione. Su richiesta degli avvocati Domenico Tripodi e Luigi Luppino, il Riesame ha annullato inoltre due capi di imputazione su tre confermando nei confronti di Cuppari un'intestazione fittizia aggravata dall'aver agevolato la 'Ndrangheta. Il principale indagato dell'inchiesta "Eyphemos" è il boss Domenico Laurendi, detto "Rocchellina". Nei suoi confronti, la settimana scorsa, è stata confermata l'ordinanza di arresto. Tra le altre cose, la Direzione distrettuale antimafia lo accusa di avere "omesso di pagare le tasse sulle somme percepite sui lavori pubblici creando un 'nero' che aveva occultato nelle banche di San Marino".

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy