Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La Corte d'Assise di Siracusa ha emesso 18 condanne e 3 assoluzioni al termine del processo per Mafia e droga, denominato Aretusa. Si tratta dell'inchiesta della Procura distrettuale antimafia di Catania sull'esistenza di 3 gruppi criminali capaci di gestire un vasto traffico di cocaina ed hashish. Tra gli imputati c'è Gianfranco Urso, 49 anni, siracusano, che ha rimediato 21 anni di carcere, la pena più pesante emessa dai giudici. Figlio del boss Agostino Urso, capo del clan Urso-Bottaro, ammazzato a colpi di pistola nel giugno del 1992 in uno stabilimento balneare a sud di Siracusa, il quarantanovenne è indicato dai magistrati catanesi come il capo di una delle 3 cellule, le altre erano gestite da Luigi Cavarra, morto nel 2018 poco dopo essere diventato collaboratore di giustizia e da Francesco Satornino, anche lui pentito, condannato a 9 anni. Le condanne ammontano ad oltre 134 anni di carcere ma le richieste del pm della Dda di Catania erano state più pesanti al termine della requisitoria.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy