Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Roma. "Lasciamo ai colleghi l'interpretazione dei criteri attitudinali specifici per gli uffici requirenti di medie dimensioni indicati dall'articolo 17 del Testo Unico sulla Dirigenza, che a noi sembravano inequivoci nell'indicare la prevalenza del dottor Masini sotto tutti i profili". Lo affermano i togati del gruppo di Autonomia&Indipendenza Piercamillo Davigo, Sebastiano Ardita, Giuseppe Marra e Ilaria Pepe, tornando sulla nomina di Raffaele Cantone alla guida della procura di Perugia. "E' stato nominato procuratore di Perugia - osservano i 4 togati in una nota - un magistrato che non svolge funzioni requirenti dal 2007, con un passaggio sostanzialmente diretto da un importante incarico fuori ruolo di nomina politica all'incarico direttivo. Hanno votato a favore tutti i consiglieri di Area e tutti i componenti laici. Si sono astenuti i consiglieri di Unicost. L'altra proposta, in favore di un magistrato, il dottor Luca Masini, con 27 anni di esperienza nelle funzioni requirenti in diverse procure, con incarichi semidirettivi positivamente svolti e con la positiva esperienza come facente funzioni in un'importante procura distrettuale, è stata sostenuta da noi, dai consiglieri di MI e dal consigliere Di Matteo".
Alla luce di ciò, "nell'attesa, ormai decisamente lunga, di una proposta della Quinta Commissione per la modifica del Testo Unico della Dirigenza e in una situazione che a nostro avviso non vede sempre ugualmente valorizzata l'esperienza professionale acquisita nell'esercizio delle funzioni, dobbiamo augurarci - scrivono i consiglieri di A&I - che quanto prima veda la luce una riforma legislativa che ponga fermi limiti alla discrezionalità del Consiglio e imponga un congruo periodo di rientro nelle pregresse funzioni per il magistrato proveniente dal fuori ruolo o dal Csm prima di poter proporre domanda per incarichi direttivi e semidirettivi, che, a parole, anche adesso vede tutti d'accordo". I quattro togati, inoltre si dicono "sin d'ora pronti a votare ogni proposta di modifica di circolare che consenta di valorizzare, per tutti, la congrua, positiva ed attuale esperienza professionale acquisita nell'esercizio delle funzioni, ritenendola un requisito preminente e non surrogabile" e affermano di ritenere "molto utile la reintroduzione delle cosiddette fasce di anzianità, al fine di valorizzare adeguatamente anche la durata della positiva esperienza professionale dei candidati ed evitare - concludono - lo 'scavalcamento' da parte di magistrati molto più giovani ben forniti di titoli vari spesso solo formali (le cosiddette 'medagliette')".

AGI

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy