Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Avevano tentato di ottenere il monopolio del mercato della droga a Benevento e in alcune zone della provincia, contrapponendosi al clan Sparandeo, decimato dagli arresti. Ora però si trovano alla sbarra di fronte ai giudici del tribunale di Benevento, con richieste di condanne che vanno dai 30 ai 16 anni di reclusione. Complessivamente la Dda di Napoli ha chiesto oltre 280 anni di carcere per 13 imputati. L'indagine risale al luglio 2018, quando la la Polizia smantellò un'organizzazione che riforniva le piazze di spaccio beneventane di cocaina, crack, marijuana, hashish ed eroina, acquistata in grosse partite a Villa Literno, Giugliano, Castelvolturno e Napoli.
Il pm Francesco De Falco nella sua requisitoria ha chiesto la condanna a 30 anni di reclusione per Giuseppe Iele, considerato insieme a Cosimo Sferruzzi, per il quale sono stati chiesti 25 anni di carcere, il promotore dell'organizzazione. 24 anni sono stati chiesti per Antonio Cifiello, 23 per Maurizio e Raffaele Iuliano, Alberico D'auria, Stanislao Musco, 22 anni per Enzo Martinelli, 21 anni e 4 mesi per Mauro Fornito, 18 anni per Cristian Bertozzi e Pompeo Anzovino, 16 anni e 6 mesi per Umberto Ianniello e Marco Intorcia. La sentenza è attesa per luglio. Dall'incendio di una Mercedes nel rione Libertà di Benevento, gli inquirenti hanno ricostruito una rete di rapporti tra piccoli criminali che però avevano messo in piedi un 'sistema' con un volume di affari di decine di migliaia di euro la settimana. A capo della banda, Nicola Fallarino, 36 anni, di Benevento già condannato con rito abbreviato a 20 anni di reclusione. Tra il 2013 e il 2015 nei quartieri popolari di Benevento si susseguirono una serie di attentati incendiari nei confronti di 'clienti' morosi. Metodi violenti per controllare il territorio e incutere timore. Durante il blitz del 2018 fu trovato anche un bunker che Fallarino aveva realizzato nella sua abitazione dietro il mobile letto di suo figlio, creando un vano per nascondersi.

Fonte: AGI

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy