Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
"Gli insulti e le offese a Silvia dimostrano come quanto sia ancora malato il nostro Paese. Il virus, in questo caso, si chiama 'capro espiatorio'. E' il bisogno di costruire un nemico simbolico - chiamato ora 'traditore', ora 'reprobo', ora 'impuro' - contro cui una comunità incattivita scarica il suo odio e la sua rabbia, e così nasconde agli altri e a se stessa le storture al proprio interno, la propria ingiustizia e la propria mancanza di umanità. Il capro espiatorio serve a dare illusoria compattezza a comunità disgregate". E’ così che si è espresso il presidente e fondatore di Libera, don Luigi Ciotti, in una nota riguardo le minacce ricevute dall’attivista Silvia Romano, liberata la scorsa settimana. "Silvia - ha aggiunto il presidente del Gruppo Abele - è una giovane donna che è andata in Africa per lavorare in un orfanotrofio e che ha vissuto il trauma terribile di un sequestro di persona. Liberata dopo un anno e mezzo, ha dichiarato di aver cambiato nome e di essersi convertita all'Islam durante la prigionia. Una comunità degna di questo nome dovrebbe darle il tempo di elaborare la sua esperienza, capire come ha influito sulla sua interiorità la terribile esperienza della prigionia".

romano silvia c iomagoeconomica 1408379

L'attivista Silvia Romano © Imagoeconomica


Secondo il sacerdote “sono vicende che non possono essere guardate da fuori con occhio freddo, giudicante o, peggio, cinico”. "Una comunità vera - ha proseguito don Ciotti - sa mettersi nei panni degli altri, a maggior ragione se gli altri soffrono o hanno sofferto. L'empatia è il collante della civiltà. Senza empatia precipitiamo nella barbarie. Quanto alla conversione all'Islam, non tutti i musulmani sono integralisti così come non tutti i cattolici sono reazionari. La fede autentica chiama in causa la coscienza e la responsabilità. E' una faticosa ricerca di verità, non un imporre certezze travestite da verità”.
Il presidente di Libera ha concluso dicendo che “sono certo che Silvia arriverà col tempo a capire quanto c’è di autentico nella sua conversione e quanto di dettato dalle contingenze terribili vissute. Nel frattempo dobbiamo lasciarla in pace e gioire con lei e per lei del suo essere viva”.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Silvia Romano è stata liberata!

Avremmo dovuto fermarci sulla soglia di quell'abbraccio

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy