Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
La Cassazione ha annullato con rinvio l'ultima sentenza del Riesame che aveva confermato la misura cautelare in carcere per l'ex deputato regionale di Trapani Paolo Ruggirello, risultato positivo al Coronavirus mentre era detenuto per mafia. Il provvedimento della sesta sezione penale della Corte di Cassazione riguarda sentenza in cui i giudici del Tribunale delle Libertà il 30 dicembre scorso avevano respinto la richiesta di scarcerazione presentata dagli avvocati. "Il Tribunale della Libertà di Palermo dovrà ora rivedere la propria decisione secondo le direttive della Corte di Legittimita'", ha detto l'avvocato Galluffo. In questi giorni il Tribunale di Trapani dovrà esprimersi su un'altra richiesta di scarcerazione presentata lunedì mattina, dopo il ricovero di Ruggirello al Cotugno di Napoli. Stamattina i pm della Dda di Palermo hanno depositato un parere negativo alla richiesta di scarcerazione, mentre i giudici trapanesi hanno acquisito una relazione sull'abitazione dell'ex deputato per valutarne la compatibilità con il decorso post-ospedaliero. Oggi sarebbe dovuto iniziare il processo scaturito dal blitz antimafia Scrigno, dove Ruggirello è imputato assieme ad altre sette persone con l'accusa di associazione mafiosa, ma a causa delle restrizioni d'emergenza imposte dal governo l'udienza è stata rinviata a data da destinarsi. In settimana l'ex politico trapanese è stato al centro di una querelle sulle sue condizioni salute che ha visto impegnati il Garante dei detenuti della Campania e l'associazione Antigone. Già lo scorso 31 marzo gli avvocati di Ruggirello avevano chiesto la scarcerazione, ma i giudici di Trapani il 2 aprile bocciarono la richiesta, riportando un estratto del report sanitario ricevuto dal carcere di Santa Maria Caputa Vetere in cui era recluso Ruggirello. "E' emerso come il 29 marzo alle ore 20.30 la temperatura del Ruggirello fosse pari a 36,5 gradi e come nella mattinata del 30 marzo detta temperatura fosse pari a 36,6 gradi con saturazione pari al 98%; detta temperatura rimaneva costante (36,4) anche la mattina del 31 marzo, con un rialzo (37,5 gradi) alle ore 15.30 della stessa giornata", si legge nel provvedimento. Il 4 aprile poi Ruggirello, sottoposto al tampone, è risultato positivo e l'indomani è stato trasferito al nosocomio napoletano.

Fonte: AGI

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy