Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Non ci sono dubbi sull'aggravante del metodo mafioso contestata a Roberto Spada per la testata al giornalista Daniele Piervincenzi. A sostenerlo i giudici della V sezione penale della Cassazione nelle motivazioni della sentenza con cui il 13 novembre scorso hanno confermato la condanna a sei anni con il riconoscimento dell'aggravante del metodo mafioso per Roberto Spada per l’aggressione all’inviato di ’Nemo' e quella nei confronti dell’operatore Rai Edoardo Anselmi, avvenuta a Ostia il 7 novembre 2017.
"Sussistono tutti i presupposti per l'affermazione della sussistenza dell'aggravante del metodo mafioso - si legge nella sentenza - essendo stato accertato che Roberto Spada si avvalse della forza di intimidazione promanante dall'associazione malavitosa imperante sul territorio, nota come clan Spada, ben presente alla mente dei giornalisti e bene nota agli abitanti del luogo, tant’è che alla stessa si fece riferimento ripetutamente nel corso dell'intervista, come soggetto collettivo in grado di influenzare le decisioni politiche assunte nell'ambito del quartiere". Per l'aggressione il 18 giugno 2018, dopo l'inchiesta portata avanti dal pm della Dda Giovanni Musarò, Roberto Spada e Ruben Nelson Del Puerto sono stati condannati in primo grado a sei anni di reclusione per violenza privata e lesioni aggravate con il riconoscimento dell'aggravante mafiosa. Condanna confermata poi il 7 dicembre scorso in Appello per Spada. Stralciata, invece, la posizione del braccio destro, Ruben Nelson Del Puerto il cui processo è ancora in corso. Inoltre Spada lo scorso 24 settembre in un altro procedimento, il maxi processo al clan, nato dall'operazione 'Eclissi' della Dda di Roma, è stato condannato all'ergastolo dalla Corte d'Assise.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy