Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Catania. Venti anni di reclusione per Aldo Ercolano, sei anni e otto mesi per Giuseppe Finocchiaro e tre anni per Antonio Drago. Assoluzione, invece, per Francesco e Carmelo Rapisarda (perché il fatto non sussiste). E' la sentenza emessa dal Tribunale di Catania, presieduto da Maria Grazia Caserta, nei confronti degli imputati nel processo su Mafia e massoneria scaturito dall'inchiesta denominata "Brotherhood" della Guardia di finanza. I due fratelli Rapisarda, imprenditori e titolari di una ditta di costruzioni, sono stati difesi dagli avvocati Carmelo Peluso e Luigi Latino. Francesco Rapisarda 'sovrano' della Gran Loggia massonica Federico II era stato arrestato insieme con il fratello e altre quattro persone tra cui proprio Aldo Ercolano reggente della famiglia mafiosa Santapaola-Ercolano. L'indagine dei finanzieri aveva ricostruito gli affari del clan in alcune aste giudiziarie manovrate proprio da Ercolano. I giudici hanno assolto anche Antonino Finocchiaro, Christian Puglisi e Adamo Tiezzi.

AGI

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy