Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Pg Firenze cita Falcone, 'Segui i soldi e troverai la mafia'
Firenze. Nel 2019 "numerose indagini hanno disvelato l'esistenza di meccanismi di infiltrazione delle diverse mafie nei circuiti dell'economia legale e nel tessuto dell'economia locale" della Toscana "con molteplici e diversificati investimenti, dall'accaparramento di lavori pubblici e privati, al settore immobiliare, a quello del turismo, all'acquisizione o alla gestione di pubblici esercizi, specie di ristorazione o intrattenimento". Lo ha detto il procuratore generale di Firenze Marcello Viola, all'inaugurazione dell'anno giudiziario. Le infiltrazioni, ha precisato Viola, sono "a fini di riciclaggio di denaro proveniente dalle più varie attività criminali, quali la gestione del racket della prostituzione, spesso riguardante donne straniere vittime di tratta, il traffico di rifiuti o di prodotti contraffatti, il commercio degli stupefacenti", molte volte "con il coinvolgimento di imprenditori che evidentemente trovano conveniente intrecciare rapporti d'affari con soggetti appartenenti a cosche mafiose". Il pg Viola ha citato una celebre frase di Giovanni Falcone, 'Segui i soldi e troverai la mafia'. "Con questa nota ed efficace affermazione Giovanni Falcone aveva indicato un metodo di lavoro per l'epoca rivoluzionario - ha aggiunto Viola - che individuava nelle indagini patrimoniali lo strumento migliore per acquisire dati decisivi e ricostruire le infiltrazioni della criminalità mafiosa nella politica, nelle istituzioni e nell'economia".

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy