Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Tra di loro Giovanni Musso, ritenuto dagli inquirenti il capomafia del mandamento della Noce
di AMDuemila
Il Gup di Palermo ha condannato, con il rito abbreviato, a oltre un secolo di carcere 10 tra boss, gregari ed estorsori della mandamento palermitano della Noce. Due le assoluzioni. Gli imputati erano accusati a vario titolo di associazione mafiosa, estorsione e intestazione fittizia di beni. L’accusa era rappresentata dalla pm Amelia Luise.
La pena piu' alta (15 anni) è stata inflitta a Giovanni Musso, ritenuto dagli inquirenti il capomafia del mandamento. Secondo i pm sarebbe stato Musso a imporre a un sacerdote di benedire la festa del quartiere. I magistrati hanno accertato anche un suo ruolo nella rapina miliardaria messa a segno alle poste in via Roma nel 1995. Uscito di galera otto anni fa, ha scalato i vertici del mandamento. Come sede dei summit il boss aveva scelto una agenzia di scommesse e come suo vice Giovanni Di Noto, condannato oggi a 14 anni.
L’indagine aveva documentato una serie di estorsioni a commercianti della zona. Oltre a questi, anche gli ambulanti. Una delle vittima, però, decise di collaborare con gli inquirenti e raccontò le richieste di pizzo. Queste le pene inflitte dal Gup: Francesco Alioto 2 anni, Massimo Bottino 12 anni, Cristian Di Bella 9, Giovanni Di Noto 14, Fabio La Vattiata 11, Salvatore Maddalena 11 e 2 mesi, Giovanni Musso 15, Nicolo' Pecoraro 11 e 2 mesi, Salvatore Pecoraro 12, Giulio Vassallo 3 anni e 4 mesi. Assolti Andressa Cardella Dos Santos e Calogero Cusimano.

Foto © Imagoeconomica

Video

  • All
  • Antonio Ingroia
  • Centro Studi Pio La Torre
  • Nucleare
  • San Patrignano
  • Scorie Nucleari
  • Video

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy