Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Roma. Rischia un trasferimento d'ufficio per incompatibilità ambientale il pm della Direzione nazionale antimafia Cesare Sirignano. La Prima Commissione del Csm ha definito la pratica aperta nei suoi confronti e relativa ai contenuti - inerenti la nomina del nuovo capo della procura di Perugia - di alcune conversazioni avute con il pm di Roma (ora sospeso) Luca Palamara, intercettate nell'ambito delle indagini, condotte dai pm umbri, che la scorsa primavera provocarono una 'bufera' tra le toghe. In Prima Commissione hanno votato a favore del trasferimento di Sirignano il togato di A&I Sebastiano Ardita (presidente della Commissione), il laico della Lega Emanuele Basile e Giovanni Zaccaro, togato di Area, mentre contro si è espressa la togata di Unicost Concetta Grillo. Si sono invece astenuti Antonio D'Amato (togato di Magistratura Indipendente) e Filippo Donati (laico eletto in quota M5s). Le proposte saranno quindi portate in plenum, che sarà chiamato a pronunciarsi in via definitiva.

AGI

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy