Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Riprese andarono in onda a Presadiretta
Un pregiudicato di San Luca in Aspromonte, Antonio Callipari, è stato condannato dal Tribunale di Locri a tredici mesi di reclusione per le minacce rivolte ad un gruppo di giornalisti che lo avevano filmato. Callipari, di 26 anni, legato per vincoli di parentela alla cosca dei Nirta, era stati arrestato nel novembre scorso dopo un anno di latitanza per essere sfuggito all'ordinanza di custodia cautelare emessa a suo carico dal Gip di Milano su richiesta della Dda, nell'ambito dell'operazione "Ignoto 23". L'uomo è accusato di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Nel maggio 2017, aveva rivolto pesanti minacce ai giornalisti Danilo Procaccianti (Rai 3), Fabrizio Lazzaretti e alla collaboratrice di "Repubblica" Alessia Candito. Nell'occasione tentò di impadronirsi delle telecamere e dei cellulari dei tre giornalisti, intimando loro di non "mettere più piede a San Luca se no siete morti". I filmati furono poi trasmessi nella puntata di "Presadiretta" andata in onda il 25 settembre del 2017.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy