Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

alemanno gianni c imagoeconomica

Roma. "Assolto con la formula più ampia possibile dalle accuse di corruzione e finanziamento illecito". E' quanto hanno chiesto gli avvocati Pietro Pomanti e Franco Coppi, difensori dell'ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno, nel corso del procedimento, uno dei filoni dell'indagine sul Mondo di mezzo, che lo vede imputato. La Procura di Roma nei giorni scorsi ha sollecitato una condanna a cinque anni di carcere. "Nel milione di intercettazioni telefoniche e ambientali della maxindagine - affermano i difensori - non ce n'è una in cui si dica che ha preso soldi da sindaco o che è un corrotto o che ha compiuto qualcosa che non avrebbe dovuto fare: quei 10mila euro dati da Formula Sociale altro non erano che un regolare versamento tramite bonifico che riguarda la Fondazione Nuova Italia". Secondo i difensori, inoltre, ciò che "Franco Panzironi (ex ad di Ama ndr) faceva nella municipalizzata dei rifiuti non lo faceva con o per l'allora sindaco Alemanno, qui si vuole far passare Panzironi per uno strumento di Alemanno, che per la vicenda Mafia Capitale è stato archiviato. All'ex ad di Ama sono addebitate vicende che neanche hanno sfiorato Alemanno. Allora, come si fa a dire che Panzironi faceva il lavoro sporco per Alemanno", concludono.

ANSA

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy