Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

chinnici rocco c ansaAlla proiezione anche Castellitto e i commissari King e Jourova 
Bruxelles. La lotta alla mafia e il ricordo del magistrato Rocco Chinnici sono sbarcati ieri sera al Parlamento europeo, con la proiezione della fiction Rai 'Rocco Chinnici - E' così lieve il tuo bacio sulla fronte', film tv con Sergio Castellitto, tratto dal romanzo dell'eurodeputata del Pd, Caterina Chinnici, figlia di Rocco. "E' un uomo che ha fatto la storia del nostro Paese e dell'Europa. Oggi, anche qui, nelle istituzioni europee, noi lavoriamo su quelle originarie intuizioni di Rocco Chinnici, su quella strada tracciata", ha detto Caterina Chinnici a margine della proiezione. Nella sala gremita del Parlamento europeo, tra gli ospiti anche i commissari Ue alla Giustizia e alla Sicurezza, Vera Jourova e Julian King. "La cooperazione delle forze di polizia e giudiziaria, il perseguire reati finanziari, il money laundering, lo scambio di informazioni: nasce veramente tutto da quelle prime esperienze di lavoro", ha detto l'eurodeputata. Presenti alla proiezione europea anche gli attori protagonisti del film, Sergio Castellitto e Cristiana Dall'Anna. "L'approdo qui al Parlamento europeo è una cosa di cui dobbiamo essere fieri perché sappiamo che la mafia è una delle nostre esportazioni", ha spiegato Castellitto. L'attore ha quindi ricordato un passaggio del film in cui il magistrato, ucciso dalla mafia nell'estate del 1983, dice alla figlia: 'Caterina, non basterà leggere le carte, perché se non ricordi che davanti a te c'è un essere umano, magari malvagio, ma un essere umano, non farai un passo avanti': "E' una lezione di una modernità inaudita", ha detto. Parlare di mafia "quanto più se ne può" è necessario a "poterci evolvere ed emancipare da una situazione che ci insegue da troppo tempo", ha sottolineato Dall'Anna. La lotta alla mafia e il ricordo del magistrato Rocco Chinnici sono sbarcati ieri sera al Parlamento europeo, con la proiezione della fiction Rai 'Rocco Chinnici - E' così lieve il tuo bacio sulla fronte', film tv con Sergio Castellitto, tratto dal romanzo dell'eurodeputata del Pd, Caterina Chinnici, figlia di Rocco. "E' un uomo che ha fatto la storia del nostro Paese e dell'Europa. Oggi, anche qui, nelle istituzioni europee, noi lavoriamo su quelle originarie intuizioni di Rocco Chinnici, su quella strada tracciata", ha detto Caterina Chinnici a margine della proiezione. Nella sala gremita del Parlamento europeo, tra gli ospiti anche i commissari Ue alla Giustizia e alla Sicurezza, Vera Jourova e Julian King. "La cooperazione delle forze di polizia e giudiziaria, il perseguire reati finanziari, il money laundering, lo scambio di informazioni: nasce veramente tutto da quelle prime esperienze di lavoro", ha detto l'eurodeputata. Presenti alla proiezione europea anche gli attori protagonisti del film, Sergio Castellitto e Cristiana Dell'Anna. "L'approdo qui al Parlamento europeo è una cosa di cui dobbiamo essere fieri perché sappiamo che la mafia è una delle nostre esportazioni", ha spiegato Castellitto. L'attore ha quindi ricordato un passaggio del film in cui il magistrato, ucciso dalla mafia nell'estate del 1983, dice alla figlia: 'Caterina, non basterà leggere le carte, perché se non ricordi che davanti a te c'è un essere umano, magari malvagio, ma un essere umano, non farai un passo avanti': "E' una lezione di una modernità inaudita", ha detto. Parlare di mafia "quanto più se ne può" è necessario a "poterci evolvere ed emancipare da una situazione che ci insegue da troppo tempo", ha sottolineato Dell'Anna.

ANSA

Foto © Ansa

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy