Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Palermo. La procura di Palermo ha chiesto il rinvio a giudizio del direttore di Telejato Pino Maniaci, accusato di estorsione. Il gup davanti al quale si terrà l'udienza preliminare è Nicola Aiello.
Maniaci è accusato di avere estorto denaro e favori, come un contratto a termine per l'amante, ad alcuni amministratori locali in cambio di una linea soft della sua emittente tv sul loro operato. Vittime l'ex sindaco di Borgetto Gioacchino De Luca, l'ex assessore di Borgetto Gioacchino Polizzi e il sindaco di Partinico Salvatore Lo Biundo. Per Maniaci, a maggio scorso, la Procura di Palermo ha chiesto il divieto di dimora nelle province di Trapani e Palermo. Il gip ha accolto la richiesta per due estorsioni e l'ha rigettata per quella all'ex assessore. Il provvedimento, però, per un errore di notifica dell'udienza di discussione davanti al Riesame è stato dichiarato nullo. I pm hanno impugnato la decisione del gip per la terza estorsione e il Riesame prima, la Cassazione dopo ha dato loro ragione. Dopo la decisione dei giudici romani, dunque, a ottobre Maniaci ha nuovamente dovuto lasciare Partinico, salvo ritornare dopo poche settimane, quando il nuovo giudice, il gup Aiello, ha revocato il divieto di dimora imposto per l'estorsione a Polizzi sostenendo che ci fosse stato un "affievolimento degli indizi". Il giornalista, noto per le sue campagne antimafia, si è difeso sostenendo di essere vittima di un complotto ordito dopo le denunce della sua emittente contro la cattiva gestione della sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo presieduta dal giudice Silvana Saguto. 
 
ANSA
TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy