Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Caltanissetta. La Procura generale di Caltanissetta ha chiesto la conferma della condanna all'ergastolo di Giuseppe Barranca, considerato uno dei componenti del gruppo incaricato di reperire e preparare l'esplosivo utilizzato per la strage di Capaci, in cui morirono Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli agenti di scorta Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani. A trattare la posizione di Barranca è stato il sostituto procuratore generale Fabio D'Anna, che ha sottolineato come la responsabilità di Barranca emerga dalle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia e in particolare di Gaspare Spatuzza. Il rappresentante dell'accusa si è anche soffermato sulla composizione dell'esplosivo, una miscela di tritolo, T4 e nitrato d'ammonio usato per l'attentato. Insieme a Barranca sono imputati per strage anche Fifetto Cannella e Cosimo D'Amato; la requisitoria terminerà venerdì con le conclusioni del sostituto procuratore generale Antonino Patti, che si occuperà della posizione di Cannella.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy