Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

orlandi emanuelaDopo quasi 33 anni la scomparsa di Emanuela Orlandi è destinata a rimanere un mistero: non ci sono prove per indagare ancora. La sesta sezione penale della Cassazione ha messo una pietra sull’inchiesta, rigettando il ricorso della famiglia contro l’archiviazione chiesta dal capo della procura Giuseppe Pignatone e confermata dal gip. Era l’ultimo tentativo per conoscere la verità su una vicenda che si è incrociata con quella dell’attentato a papa Wojtyła e quella della banda della Magliana. Emanuela era figlia di un messo della prefettura della Casa pontificia; scompare il 22 giugno 1983, dopo essere uscita da una scuola di musica. Da allora si sono succedute due inchieste, la prima chiusa senza responsabili nel luglio ‘97. Sull’epilogo della seconda è giunto ora il visto della Cassazione.

Il Corriere della Sera

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy