Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

bulgarella andreaGiudici Firenze avevano 'bocciato' sequestro documenti costruttore
Firenze. La seconda sezione penale della Corte di cassazione ha annullato l'ordinanza con cui il tribunale del riesame di Firenze aveva a sua volta annullato il 28 ottobre 2015 il decreto di perquisizione e il sequestro di documenti al costruttore siciliano Andrea Bulgarella (in foto). L'imprenditore è sospettato di aver commesso reati finanziari, servendosi anche dei suoi rapporti con Unicredit, con l'aggravante di aver favorito Cosa nostra. Contro il tribunale del riesame la Procura di Firenze ha fatto ricorso in cassazione. Ora la Suprema corte, annullando l'ordinanza, ha rinviato allo stesso riesame, che dovrà pronunciarsi di nuovo.
A seguito della decisione della Cassazione - che emetterà le sue motivazioni nei prossimi tempi - il tribunale del riesame di Firenze dovrà costituire un nuovo collegio, con componenti diversi dal primo giudizio, e riesaminare il ricorso con cui la difesa di Bulgarella si oppose alle perquisizioni e al sequestro dei documenti disposto a fini probatori dalla Dda di Firenze ed eseguito dal Ros dei carabinieri. Stamani la decisione della Cassazione di 'cancellare' l'ordinanza di annullamento del riesame sulla vicenda di Bulgarella - costruttore e proprietario di alberghi che dagli anni '90 ha trasferito le sue attività imprenditoriali dalla provincia di Trapani alla Toscana, in particolare a Pisa e a Livorno - ha suscitato un certo richiamo nel palazzo di giustizia di Firenze. Uno dei motivi è che nella sua discussione del marzo scorso il sostituto Pg della Cassazione aveva, invece, sostenuto l'infondatezza dei provvedimenti di perquisizione e sequestro presi dai magistrati antimafia della procura di Firenze, e pertanto sembrava possibile una conferma del dissequestro dei documenti prelevati dal Ros negli uffici delle società di Bulgarella. Invece il dispositivo emesso dal collegio della Cassazione ieri sera è stato di segno opposto e riapre la partita. Nell'inchiesta della Dda di Firenze sui rapporti tra mafia e finanza il nome di Bulgarella e di altri indagati veniva associato a Cosa Nostra e in particolare al boss 'super-latitante' Matteo Messina Denaro. L'ipotesi investigativa è che l'imprenditore trapanese abbia rapporti diretti con il clan di Messina Denaro e che ci siano stati vantaggi reciproci tali da permettere all'imprenditore di accumulare ingenti capitali da reinvestire fuori dalla Sicilia, in particolare nella Toscana occidentale.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy