Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

16 luglio 2014
Il collaboratore di giustizia Giovanni Brusca è stato assolto, assieme al cugino Giuseppe Brusca, dall’accusa di tentata violenza privata. La decisione e’ del giudice monocratico della seconda sezione del tribunale di Palermo, Pasqua Seminara. La Procura aveva chiesto la condanna a un anno di carcere.

Assieme al cugino, il pentito di San Giuseppe Jato (Palermo) era accusato di avere cercato di sottrarre beni alla confisca e di aver tentato di riprendersi con le minacce parte del patrimonio intestato a due coniugi di Altofonte, paese a dieci chilometri dal capoluogo siciliano, che aveva usato come prestanome.

I reati di intestazione fittizia e tentata estorsione aggravata erano stati contestati all’inizio della vicenda, ma il primo era poi saltato per effetto della prescrizione, mentre l’estorsione era stata derubricata in violenza privata, di competenza del giudice monocratico.
L’indagine era nata dall’intercettazione di una conversazione di un cognato di Brusca con la sorella, Rosaria Cristiano, la moglie del pentito. I carabinieri cominciarono a controllare la corrispondenza di Brusca e trovarono una sua lettera a un presunto prestanome, l’imprenditore Santo Sottile, dal quale l’ex capomafia pretendeva la restituzione di diversi beni.
Nella casa di Brusca vennero trovati 180 mila euro, che il collaboratore sostenne essere i suoi “risparmi di una vita”.

palermo.blogsicilia.it

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy