Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

provenzano-bernardo-big025 marzo 2013
Palermo. "Nonostante fosse stato dato per imminente un incontro con il boss latitante Bernardo Provenzano, raccontato dal dichiarante Ilardo, l'allora colonnello del Ros Mario Mori decise di non intervenire. Ma non ha alcun senso logico ed è un'offesa per l'intelligenza prospettare la decisione del mancato intervento con un fatto di cautela o di diffidenza nei confronti di Ilardo". Lo ha detto il pm Antonino Di Matteo riprendendo, dopo una breve pausa la requisitoria del processo a carico del generale Mario Mori e del colonnello Mauro Obinu, accusati di favoreggiamento aggravato a Cosa nostra per la mancata cattura di Bernardo Provenzano il 31 ottobre 1995 a Mezzojuso, nel palermitano. "Se fossero intervenuti avrebbero trasformato Pietro Ilardo nel più importante collaboratore di giustizia nella lotta a Cosa nostra", ha aggiunto Di Matteo.

ADNKRONOS

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy