Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

8 febbraio 2012
Agrigento. La Cassazione ha annullato, con rinvio, la decisione del Tribunale del riesame che aveva ordinato l'arresto di Carmelo Bellavia e Antonio Costa, i due presunti fiancheggiatori dell'ex capomafia Gerlandino Messina. Adesso, il Riesame dovrà nuovamente pronunciarsi. Il gup di Palermo, Guglielmo Ferdinando Nicastro, lo scorso 24 gennaio, ha inflitto tre anni e due mesi a Carmelo Bellavia, 48 anni, padre di Calogero, l'ultimo 'vivandiere' di Gerlandino Messina, mentre Antonio Costa, 47 anni, proprietario dell'immobile di via Stati Uniti, a Favara, dove si nascondeva l'ex capo mafia, è stato condannato a due anni e quattro mesi. Per entrambi è stata esclusa l'aggravante di avere agevolato Cosa nostra, ma solo il singolo boss.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos