Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

8 novembre 2011
Palermo. Il gup di Palermo Luigi Petrucci ha condannato, complessivamente, a oltre 64 anni di carcere 11 tra boss e imprenditori imputati, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione e intestazione fittizia di beni. Le pene più alte (10 anni e 10 mesi e 10 anni) sono state inflitte ai boss palermitani Antonino Maranzano e Nino Rotolo. Rispettivamente a 8 anni e sei mesi, due anni e 8 mesi e tre anni e 4 mesi sono stati condannati i costruttori Francesco Paolo, Francesco e Salvatore Sbeglia; mentre all'imprenditore Vincenzo Riccacasa sono stati comminati tre anni e 4 mesi di carcere. A 8 anni è stato condannato Carmelo Cancemi; 4 anni dovranno scontare invece Pietro Vaccaro e Vincenzo Marcianò e 8 anni e due mesi Fausto Seidita. Infine a 2 anni di carcere è stato condannato Massimo Troia. Il processo, istruito dai pm Marcello Viola e Nino Di Matteo, nasce dalle intercettazioni effettuate nel box del capomafia Nino Rotolo che negli anni scorsi portarono ad altri arresti e condanne. Le conversazioni dei boss, che si riunivano da Rotolo per concordare affari ed estorsioni, sono state riscontrate dalle dichiarazioni di diversi pentiti.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy