Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

7 novembre 2011
Palermo. Il pm di Palermo Nino Di Matteo, che indaga sulla trattativa tra lo Stato e la mafia, ha interrogato oggi il capo dell'ufficio detenuti del Dap (Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria) il magistrato Sebastiano Ardita. In particolare Ardita è stato sentito sui provvedimenti adottati nel '92 e nel '93 sul carcere duro ai mafiosi. A dicembre scorso Di Matteo e il procuratore aggiunto Antonio Ingroia avevano notificato personalmente al Dap un ordine di esibizione dei provvedimenti con cui, nel 93, venne disposta la revoca del 41 bis a un centinaio di boss - nello stesso anno si lasciò scadere il carcere duro ad altri mafiosi e in tutto il regime penitenziario speciale non venne rinnovato a più di 300 esponenti di cosa nostra - e di tutto il carteggio interno ed esterno relativo. Sul mancato rinnovo del carcere duro i magistrati nei mesi scorsi hanno interrogato i vertici del Dap di allora e l'ex guardasigilli Giovanni Conso che si è assunto la paternità esclusiva delle decisioni sul 41 bis. Per l'accusa prende sempre più corpo, però, l'ipotesi che proprio il carcere duro fosse tra i punti al centro della trattativa tra esponenti istituzionali e mafiosi. Ardita è stato sentito inoltre su alcune circostanze raccontate nel suo libro sulla trattativa 'Ricatto allo Stato«.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy