Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Corruzione per atto contrario ai doveri d'ufficio: è l'accusa mossa nell'ordinanza di custodia cautelare che i finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Bari hanno eseguito ieri nei confronti di un funzionario della Regione Puglia e di un imprenditore edile barese. Per entrambi il gip del tribunale di Bari ha disposto i domiciliari. Contestate, inoltre, le ipotesi di falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici. È in corso il sequestro dei beni nella disponibilità dei citati soggetti nonché del dirigente, all'epoca dei fatti, delle Sezioni Provveditorato economato e Protezione civile della Regione Puglia (indagato, ma non attinto da misura cautelare personale) per un valore complessivo di 80mila euro, pari all'ammontare complessivo del prezzo e del profitto della corruzione ipotizzata. L'esecuzione dell'ordinanza costituisce l'epilogo delle indagini, coordinate dalla procura di Bari e delegata al Gruppo Tutela Spesa Pubblica del Nucleo Pef della Guardia di Finanza di Bari, sfociate il 26 dicembre 2021 nell'ordinanza di custodia cautelare a carico dell' ex dirigente della Protezione civile regionale e di altri 2 imprenditori pugliesi per corruzione per l'esercizio della funzione. "Dalle intercettazioni e dalla documentazione acquisita presso gli uffici della Regione Puglia sarebbe emersa la corresponsione di somme di denaro - in almeno due occasioni e per un totale di 35mila euro - al dirigente da parte dell'imprenditore edile barese oggi arrestato e risultato aggiudicatario di 9 appalti da parte della Sezione Provveditorato Economato, con atti a firma dell'ex dirigente e del funzionario della Regione Puglia, nel 2019, 2020 e 2021, per un importo di oltre euro 2.283.000", ha spiegato la procura di Bari. Secondo l'impostazione accusatoria accolta dal gip, sarebbe emerso che gli "appalti sarebbero stati affidati contravvenendo alla normativa di settore mediante il loro frazionamento artificioso e senza rispettare il principio di rotazione degli operatori economici". Il raffronto tra le offerte oggetto dell'aggiudicazione degli appalti ai soggetti economici riconducibili all'imprenditore barese e le relative liquidazioni da parte della Regione Puglia (a fronte delle fatture emesse) avrebbe permesso di rilevare la presenza di pagamenti di somme superiori a quelle oggetto di aggiudicazione, per oltre 45mila euro, senza adeguata giustificazione. "In alcuni casi, l'effetto di liquidare somme imponibili superiori a quelle oggetto di aggiudicazione è stato ottenuto mediante la sovrastima dell'Iva. in sede di impegno di spesa (22% rispetto a quella poi indicata in fattura pari al 10%)", ha continuato la procura. “Le attività investigative avrebbero fatto emergere l'ipotesi di reato di falsità materiale in atti pubblici che sarebbe stata commessa, in concorso, dall'ex dirigente e dal funzionario della Regione Puglia, in quanto i due pubblici ufficiali, in un atto dirigenziale dell'agosto 2021 per 135.750 euro avente ad oggetto ‘Interventi di riqualificazione impiantistica di parte dei locali tecnici presso la sede della Presidenza della GR in Bari’, avrebbero attestato fittiziamente che l'intera somma era relativa ai lavori, pur riferendosi, quanto a 103.232 euro a lavori eseguiti in precedenza dall'imprenditore edile presso il Palazzo Agricoltura in Bari", ha concluso la procura.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos