Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

I carabinieri della compagnia di Chiavari stanno indagando per individuare gli autori dell'incendio che ieri ha visto completamente distrutti otto camion frigoriferi della ditta Marr. Sul posto, oltre ai vigili del fuoco impegnati a spegnere l'imponente rogo che ha preso il via poco dopo le 19 in un piazzale di località Terra Rossa in comune di Carasco lungo la strada che conduce a Santo Stefano d'Aveto, anche i Carabinieri del reparto scientifico che hanno isolato l'area e informato la magistratura che già segue altri episodi analoghi che hanno colpito l azienda Marr a Rimini, Bologna e ultimamente nel ponente ligure ad Arma di Taggia. "Non tralasciamo alcuna ipotesi - spiegano i carabinieri di Chiavari -. Purtroppo l'azienda non aveva telecamere di sorveglianza ma nella zona ci sono alcuni dispositivi di privati e altri pubblici i cui filmati sono ora al vaglio". La pista anarchica seguita in Emilia non sembra essere privilegiata mentre gli incendi dolosi del Ponente ligure, secondo quanto appreso, potrebbero essere collegati alle ramificazioni liguri della ‘Ndrangheta presenti sia a Lavagna che nel suo entroterra. Gli inquirenti cominceranno presto a sentire oltre che i vicini in zona anche autisti e dipendenti Marr.

Fonte: ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos