Una nuova nave di soccorso si aggiungerà presto alla flotta civile nel Mediterraneo centrale. Ad annunciarlo è Sea Watch presentando la nuova Sea Watch 5 che nascerà dalla trasformazione della Ocean Don, attualmente ancorata in Norvegia, in "una nave più veloce e capiente". "Questo significa che potremo soccorrere più persone e farlo più velocemente, che potremo salvare più vite", spiegano dall'ong che si prepara a scrivere "un nuovo capitolo della solidarietà con migranti e rifugiati". Il processo di trasformazione della Ocean Don in una nave di ricerca e soccorso, però, è "lungo e costoso", spiegano gli attivisti lanciando un appello per sostenere i lavori con una donazione o diventando membri sostenitori. "Per mesi, la guerra in Ucraina e l'inflazione hanno messo in ombra gli eventi catastrofici nel Mediterraneo - dicono da Sea Watch -. Oggi dobbiamo ricordare ancora più forte che ogni giorno le persone annegano durante il loro viaggio verso l'Europa: più di 1.100 solo quest'anno. La Sea Watch 5 è la nostra risposta all'immobilismo dell'Unione Europea. Questa nave di salvataggio è un simbolo di solidarietà e coesione. Di sostegno e assistenza. Per perseverare e andare avanti". Intanto, resta in stato di fermo a Reggio Calabria la Sea Watch 3: la decisione al termine di un'ispezione a bordo durata oltre 13 ore. "Il governo italiano continua la sua politica di deterrenza e blocchi amministrativi - dicono da Sea Watch -. E anche i risultati elettorali in Italia non lasciano ben sperare per il futuro del soccorso in mare".

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy