Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Trecento grammi di hashish e uno smartphone riconducibili a due detenuti napoletani sono stati scoperti e sequestrati ieri pomeriggio dalla Polizia Penitenziaria nel reparto Napoli del carcere partenopeo di Poggioreale. A darne notizia e' il segretario del sindacato ASPPE, confederata CON.SI.PE, Francesco Farina. "La sicurezza nell'istituto penitenziario partenopeo, tra i più grandi d'Europa, - commenta Farina - è messa a repentaglio da questi frequenti e allarmanti fenomeni che destabilizzano la gestione del Salvia". Per il segretario regionale Asppe Campania Luigi Castaldo, "purtroppo la forte carenza di organico di Polizia Penitenziaria in tutti gli istituti penitenziari della regione connessa al sovraffollamento degli stessi, ha generato diverse falle nel sistema penitenziario, tali da compromettere la sicurezza di tutti nell'interesse collettivo. Secondo il segretario generale AS.P.PE confederata CON.SI.PE Claudio Marcangeli, infine, è solo grazie all'alto senso del dovere ed allo spirito di sacrificio delle donne e degli uomini della Polizia Penitenziaria che oggi riusciamo ad evitare un collasso del sistema penitenziario che se non affrontato con i giusti e consigliati correttivi, sarà imminente".

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy