Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Lo scorso 22 agosto avrebbero attirato un 35enne, ritenuto vicino al clan Strisciuglio di Bari, nel sottoscala di un bar del quartiere San Paolo di Bari. Lo avrebbero colpito ripetutamente al volto, anche con un tirapugni, per poi sparargli a bruciapelo alla gamba destra, con una pistola detenuta illegalmente, ferendolo gravemente. Dopo avrebbero lavato il pavimento per cancellarne le tracce. Oggi i Carabinieri, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia, sono riusciti ad arrestare due persone, fino ad ora irreperibili. Responsabili dell'aggressione sarebbero in tutto cinque persone - di cui due fratelli di 27 e 20 anni, la sorella 35enne, la madre 55enne e un minore di 17 anni - I cinque, a vario titolo, sono ritenuti responsabili di concorso in lesioni personali gravi, favoreggiamento, porto e detenzione di arma comune da sparo, con l'aggravante del metodo mafioso. Il minore e' stato collocato in comunità. Il bar, luogo dell'agguato, è stato sequestrato e, durante le fasi dell'esecuzione delle misure, è stata trovata nella disponibilità del minore una pistola calibro 9 con matricola abrasa.

Fonte: AGI 

Foto: it.depositphotos.com

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy