Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Delitto commissionato dal presunto mandante per scongiurare il proprio omicidio

Omicidio, occultamento di cadavere, porto e detenzione di arma da fuoco, aggravati dal metodo mafioso ed in concorso. Questi gli elementi di colpevolezza a carico di O.C.M. 39 anni e C.F. di  anni 46, per un caso di “Lupara Bianca” avvenuto nel 2014. Oggi, interessati da un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale del capoluogo pugliese, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari, i due uomini, già presenti in carcere per altra causa, sono ufficialmente coinvolti nelle indagini riguardanti l’omicidio avvenuto ad Altamura.
Secondo l’accusa, i due arrestati, ritenuti appartenenti al clan D'Abramo - Sforza, avrebbero ucciso Angelo Popolizio, all’epoca dei fatti 28enne, dopo averlo prelevato dal circolo ricreativo in cui si trovava per portarlo in aperta campagna, luogo in cui si sarebbe consumato l’omicidio attraverso l’esplosione di diversi colpi di arma da fuoco. Dopo aver caricato il corpo senza vita di Popolizio in macchina, i due, lo avrebbero lasciato in custodia ad un uomo, componente della stessa organizzazione mafiosa e impegnato nello “smaltimento” del corpo, non consentendo per questo il ritrovamento dello stesso. 
Le indagini, avvenute mediante osservazione e pedinamento, sono state agevolate anche dal supporto di alcuni collaboratori di giustizia che hanno contribuito ad individuare elementi necessari al prosieguo delle attività investigative.
La tesi che spiega il movente del delitto da parte del presunto mandante, si basa sul tentativo di scongiurare il proprio omicidio di cui il 28enne ne sarebbe stato l’autore su richiesta di un’altra fazione mafiosa. 

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy