Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Un like su Facebook alla ragazza sbagliata. È questo il movente della brutale aggressione allo 'scoglione' di Marechiaro, a Napoli, di domenica mattina. Oggi la Squadra Mobile di Napoli ha fermato un ragazzo per la rissa che ha portato al ferimento di un 17enne e un 16enne che sono ancora ricoverati in gravi condizioni con ferite da taglio in più parti del corpo. Deve rispondere di tentato omicidio un quindicenne, figlio di un sicario della camorra dell'area Nord di Napoli; per gli inquirenti, sarebbe stato lui a impugnare l'arma e a sferrare diverse coltellate. Un suo amico di 15 anni è stato denunciato a piede libero. È stato lui a innescare la spirale di violenza, dato che la ragazza cui era stato inviato un 'mi piace' via social era con lui sdraiata a prendere il sole. È stato lui a chiamare il ragazzo poi arrestato in suo soccorso, dopo aver litigato con le due vittime, loro vicini di ombrelloni.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy