Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Ci vorranno ancora sette giorni prima di capire se Antonio Cuozzo Nasti, chef 56enne in Costa Azzurra arrestato ieri dopo una latitanza di otto anni dai carabinieri della Compagnia di Giugliano assieme alla Polizia francese, potrà essere estradato in Italia. La camera investigativa che oggi si sarebbe dovuta pronunciare sulla consegna ha rinviato l'esame del caso all'11 maggio alle 14. Cuozzo Nasti, ritenuto contiguo al clan Mallardo, egemone tra Napoletano e Casertano, cosca che fa parte dell'Alleanza di Secondigliano, era stato condannato a 16 anni di reclusione per rapina, ricettazione e porto illegale di armi, e si era reso irreperibile dal 2014. Cuozzo Nasti viveva in una cittadina non lontano da Cannes, dove si era costruito una nuova vita e, sotto falso nome, era diventato chef in un albergo di lusso, rinomato per la cucina italiana.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy