Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Vandali di nuovo in azione nella piazzetta Beato padre Pino Puglisi, nel quartiere Brancaccio a Palermo. Un gruppo di sei giovani di età compresa tra i 14 e i 17 anni si è accanito contro le strutture in acciaio che fanno da cornice ai pannelli con le immagini della visita del Papa alla casa del parroco antimafia, deformandole e staccando le foto. Un cittadino ha dato l'allarme e chiamato i carabinieri, ma quando sono arrivati sul posto il gruppo si era già dileguato. "Neanche un mese fa avevamo sostituito i pannelli con le immagini raffiguranti la venuta del Papa alla Casa del martire di mafia, il Beato Giuseppe Puglisi, che ignoti avevano vandalizzato il 22 gennaio scorso", dice Maurizio Artale, presidente del Centro di accoglienza Padre Nostro fondato dal parroco antimafia. "Certamente è stato fatto un passo avanti rispetto all'apatia, all'inerzia e alla pavidità degli abitanti di piazzetta Beato Padre Pino Puglisi: uno di loro ha avuto la dignità di chiamare le forze dell'ordine per denunciare l'accaduto - dice ancora Artale -. Ma ancora non basta. Bisogna assicurare alla giustizia questi malviventi, che da più di dieci anni agiscono in maniera indisturbata e impunita in questa piazza, vandalizzando una volta piante, una volta la fontana, un'altra volta le panchine in marmo, un'altra volta ancora i lampioncini della luce. C'è un senso civico che ancora stenta a sbocciare nelle coscienze degli abitanti del luogo, ma, ancor peggio, c'è un senso cristiano che non si è totalmente sviluppato in loro, facendo sì che quel luogo sacro, dove il Beato Giuseppe Puglisi si immolò dando una testimonianza cristiana e civica, venga ancora oggi, dopo 28 anni dal suo martirio, ripetutamente mortificato", conclude Artale.

ARTICOLI CORRELATI

Vandali al Centro Padre Nostro, Maurizio Artale: ''Brutto segnale, ma noi non ci fermiamo''

Vandalizzato nella notte il 'Centro Padre Nostro' fondato da don Pino Puglisi

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy