Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

L'inchiesta della Dda di Bologna, che ieri ha portato all'arresto di cinque persone per un 'giro' di cocaina, che avrebbe generato un giro d'affari stimato in oltre 60 milioni di euro, ha portato anche alla scoperta di vari capi di abbigliamento con griffe false. A casa di uno degli arrestati, un domenicano che vive con la moglie a Castiglion Fiorentino (Arezzo), la squadra mobile, insieme alla polizia municipale castiglionese, ha rinvenuto 500 articoli, tra abiti e accessori di lusso, con i marchi di note case di moda contraffatti, destinati, per gli investigatori, a essere verosimilmente venduti tramite portali di e-commerce. In corso accertamenti e approfondimenti investigativi per individuare i canali di approvvigionamento dei prodotti falsi. Per marito e moglie, oltre al sequestro di tutta la merce, è scattata la denuncia per ricettazione e commercio di prodotti aventi marchio contraffatto.

Foto: it.depositphotos.com

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy