Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Otto misure cautelari sono state emesse dal gip del Tribunale di Milano, su richiesta della locale Procura, nell'ambito di un'indagine per narcotraffico, detenzioni di armi comuni e da guerra, rapine, furti, ricettazione e riciclaggio. Coinvolti cittadini italiani e stranieri. Dalle carte dell'inchiesta, denominata "Fusion", è emerso che alcuni degli indagati trattavano la vendita di armi comuni e da guerra, persino l'acquisto di un Kalashnikov AK 47. Sequestrati nel corso dell'indagine 640 mila euro e 100 chilogrammi di droga che avrebbe generato un guadagno di diversi milioni di euro se immessa nel mercato illegale. Altre 25 persone, di nazionalità principalmente marocchina, sono indagate dalla Procura. L'operazione ha riguardato le province di Milano, Forlì-Cesena e Roma, ed è stata portata avanti dai carabinieri. Sette degli indagati sono finiti in carcere ed uno agli arresti domiciliari.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy