Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

I carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Catania, assieme ai colleghi della Compagnia di Palagonia, hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip, su richiesta della procura etnea, nei confronti di Antonino Ardizzone, l'assessore del Comune di Palagonia. L'uomo è stato arrestato per concorso in omicidio del bracciante agricolo Francesco Calcagno, ammazzato il 23 agosto 2017.
Nello specifico è accusato di avere fatto da tramite tra il mandante e alcuni esponenti di rilievo del gruppo mafioso della Stidda per il reperimento del killer al fine di vendicare l'assassinio del consigliere comunale Marco Leonardo, ucciso sempre a colpi di pistola il 5 ottobre 2016 nel Comune della piana di Catania.
Le indagini sono state avviate nel dicembre scorso e hanno consentito di raccogliere, spiegano gli investigatori, "gravi indizi" nei confronti di Antonino Ardizzone, dal luglio 2020 assessore con deleghe allo sport e al turismo del Comune di Palagonia. L'omicidio di Francesco Calcagno è stato  inquadrato sia come ritorsione nei confronti della vittima per l'omicidio del consigliere comunale palagonese Marco Leonardo (avvenuto il 5 ottobre 2016, all'interno di un bar di Palagonia a seguito di una lite, verosimilmente per motivi economici), sia come mezzo per affermare la presenza anche sul territorio di Palagonia di un gruppo mafioso vicino alla Stidda, tradizionalmente attivo nell'Agrigentino e di cui l'indagato, secondo gli inquirenti, farebbe anche parte. In particolare, in base a quanto sarebbe emerso dal riesame dei contatti tra i sospettati dell'epoca e le attività tecniche compiute, Ardizzone, su richiesta del mandante (da individuarsi tra le persone vicine a Marco Leonardo), si sarebbe adoperato, con l'aiuto di esponenti di rilievo del gruppo mafioso per "la ricerca e il reperimento" del killer che avrebbe dovuto eseguire materialmente l'omicidio di Calcagno. Le indagini ancora non concluse, viene spiegato, continueranno per individuare i complici che hanno preso parte, a vario titolo, al delitto, in relazione al quale allo stato risulta essere stato condannato con sentenza definitiva a 30 anni Luigi Cassaro tratto in arresto nei primi giorni di settembre 2017 con l'accusa di essere l'esecutore materiale.

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy