Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Un'indagine della procura di Napoli Nord delegata ai carabinieri ha permesso di eseguire un decreto di fermo nei confronti dei tre soggetti ritenuti componenti della banda che a Casavatore ha rapinato il ristorante “Un posto al sole” lo scorso 9 ottobre, e probabilmente anche in altre rapine.
La notizia di quella rapina fece il giro del web in pochissimo tempo a seguito della pubblicazione del video (registrato grazie alle telecamere di servizio del locale) in cui i rapinatori armati anche di kalashnikov passavano tra i tavoli - alla presenza anche di bambini - per razziare quanto possibile oltre all'incasso del locale.
I destinatari del decreto di fermo sono il 20enne Marco Giardino, incensurato del quartiere Secondigliano; Antonio Silvestro, 32 anni, (anche lui di Secondigliano); e Salvatore Di Matteo, 20enne napoletano dei Quartieri Spagnoli. Silvestro è un uomo del clan Di Lauro e fu arrestato nel giugno del 2013 nella maxi-retata che portò in carcere 103 persone nell'area Nord di Napoli. Dalle indagini è inoltre emerso che il gruppo era in possesso di armi da guerra, come i mitragliatori kalashnikov, che non sono state ancora trovate. Sono quattro le rapine che i carabinieri ritengono siano riconducibili al gruppo.
Ora, i tre devono rispondere di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di rapine aggravate e svariate tentate rapine. Per gli inquirenti, quella che agiva sul territorio del Napoletano era una organizzazione stabile che si serve anche di armi da guerra e che nel giro di pochi giorni ha organizzato diversi “colpi”, poi sventati proprio dalla presenza dei carabinieri sul territorio.

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy