Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Bari hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere (per uno agli arresti domiciliari), emessa dal GIP del Tribunale del capoluogo pugliese, su richiesta di questa Procura della Repubblica, nei confronti di cinque soggetti, (di cui quattro) ritenuti responsabili di "induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione ai danni di persona tossicodipendente" e il quinto di "detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti". Le indagini, coordinate da questa Procura della Repubblica sono scaturite dalla denuncia di scomparsa presentata, nel mese di novembre dello scorso anno, dalla madre di una studentessa poco più che ventenne. La donna ha raccontato agli investitori di temere per l'incolumità della figlia e di essere preoccupata del fatto che potesse essere stata costretta a prostituirsi da persone poco raccomandabili con cui si accompagnava.  Tuttavia la giovane il giorno dopo aveva contattato la madre rassicurandola che andava tutto bene, facendo così cessare le indagini.

Ma il racconto della donna era rimasto impresso ai militari dell'Arma che hanno voluto vedere chiaro sulle reali condizioni della giovane. Il segnale d'allarme, che confermava i timori della madre, si era palesato a dicembre, quando i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Bari hanno visto, nei pressi della stazione ferroviaria di Bari, a bordo di un'autovettura in sosta, la ragazza in compagnia di un giovane. Quest'ultimo ha riferito di averla incontrata dopo aver risposto a un annuncio di incontri pubblicato su una piattaforma web e, per potersi appartare con lei per un'ora e mezza, di aver pagato la somma di 120 euro a un uomo. A questo punto, sotto la direzione di questa Procura della Repubblica, sono partite le investigazioni - condotte dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale dei Carabinieri - mediante pedinamenti e attività tecniche e raccolta di dichiarazioni testimoniali. E' emerso che uno degli indagati, 25anni, approfittando dei sentimenti che la giovane provava nei suoi confronti, l'avrebbe ridotta in uno stato di assoggettamento inducendola così a prostituirsi in varie località delle province Bari, Bat e Brindisi. Le indagini hanno documentato che il giovane aveva pubblicato su una piattaforma web diversi annunci diretti a procacciare clienti alla "propria fidanzata", con i quali prendeva accordi diretti sulle modalità di tempo, di luogo e per il prezzo della prestazione. Da quanto emerso dall'attività investigativa, il giovane gestiva personalmente questi guadagni che utilizzava per le proprie esigenze di tossicodipendente, lasciando la ragazza, anche lei con problemi di droga, priva di sostentamento alimentare, tanto da spingerla a ulteriori prestazioni per potersi garantire l'acquisto di cibo e inducendola a prostituirsi anche a notte fonda. Questo stato di cose è continuato per mesi, anche quando si eè scoperto che la giovane era rimasta incinta.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy