Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La criminalità organizzata foggiana resta in cima all’elenco delle emergenze”. Sono state queste le parole del nuovo capo della DDA di Bari Roberto Rossi protagonista di un forum con i giornalisti di Repubblica Bari. Rossi, successore di Giuseppe Volpe, ha detto che la lotta ai clan di Foggia e provincia resta prioritaria nell’agenda dei magistrati antimafia e ha spiegato il perché: “È intollerabile per qualsiasi società civile che il giorno dei festeggiamenti degli Europei sia stato ucciso in piazza un uomo (il 42enne Matteo Anastasio, ndr) e paralizzato un bambino (nipote della vittima, ndr) e che la cosa si sia ripetuta a San Severo. C’è una parte della società pugliese completamente assoggettata alla criminalità e lo scioglimento del consiglio comunale di Foggia dimostra l’assoggettamento o la convivenza di una parte della società al mondo criminale. Però non bisogna fare l’errore di credere che questo sia un problema esclusivo di quella provincia, la criminalità organizzata è come un virus che può estendersi”. Secondo Rossi “bisogna lavorare sul mondo di mezzo, per usare termini presi in prestito da altre inchieste. Partendo dal presupposto che esiste un problema di qualificazione giuridica di alcune condotte, è evidente che certe metodologie criminali – come quelle delle imprese talmente potenti da avere il monopolio di certi appalti o degli apparentamenti formali con altre ditte – si sono inserite nel mondo civile”.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy