Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

È un’inchiesta delicata quella che ha portato all’arresto di un sacerdote di Prato, don Francesco Spagnesi. Il parroco, 40 anni, è stato messo agli arresti domiciliari dal gip Francesca Scarlatti, che ha accolto la richiesta di misura cautelare presentata dalla procura guidata da Giuseppe Nicolosi. Le accuse sono di spaccio e importazione di sostanze stupefacenti ma potrebbero essere estese. Gli investigatori grazie agli elementi di indagine hanno potuto scoprire che il sacerdote acquistava la "droga dello stupro" utilizzando i soldi offerti dai fedeli della sua parrocchia. La droga veniva poi consumata durante alcuni festini a sfondo sessuale, con un amico e alcune altre persone reclutate su alcuni siti d’incontri. Gli inquirenti infatti hanno ricostruito che il sacerdote aveva una relazione sentimentale con un altro uomo. Ed è proprio dall’arresto di quest’ultimo, il 27 agosto scorso, che sono partite le indagini. L’uomo, anche lui di Prato, era stato fermato in auto, con un litro di Gbl, la cosiddetta “droga dello stupro”, importata dall’Olanda. Nella stessa auto era presente anche don Spagnesi. I festini sarebbero stati organizzati in un’abitazione nella disponibilità dell’altro indagato, anche lui agli arresti domiciliari. I partecipanti agli incontri erano in totale una decina, tutti maggiorenni e consenzienti: non sapevano che Spagnesi fosse un sacerdote.
Gli inquirenti infine potrebbero contestare al sacerdote anche l’appropriazione indebita poiché secondo quanto emerso dalle indagini della Squadra mobile diretta da Alessandro Gallo per acquistare la droga don Spagnesi ha utilizzato i soldi offerti dai fedeli nella raccolta domenicale. Si parla di una cifra compresa tra i 70 e i 100mila euro: somma ingente che il prete è riuscito a raccogliere grazie al fatto che la sua parrocchia, quella dell’Annunciazione, si trova alla Castellina, uno dei quartieri più ricchi di Prato. Tuttavia l'appropriazione indebita, però, è un reato che si può contestare solo a querela della persona offesa: saranno dunque i fedeli a decidere se denunciare o meno don Spagnesi, che da pochi giorni ha lasciato il suo incarico di parroco.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy