Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il nuovo esecutivo di governo sembra non avere alcun interesse nei confronti di chi ha denunciato la camorra e le varie forme criminali. Sono proprio i testimoni di giustizia ad essere i più calpestati sia sui diritti che sul rispetto che gli è dovuto. Uomini e donne che con coraggio e senso dello Stato si sono esposti anche rischiando la vita ora si ritrovano ad essere trattati con superficialità o peggio ancora nemmeno ottengono risposte.
Abbiamo bisogno di un confronto con il sottosegretario Molteni (della Lega) a lui è stato assegnato il compito da presidente della commissione centrale ex art dieci di gestire le sorti di chi ha denunciato ed è diventato testimone di giustizia. Ci siamo già rivolti a lui come ASS. Movimento per la lotta alla criminalità organizzata, ma si sa purtroppo chi non vuol sentire fa finta di essere sordo.
Sarà un vizio Salviniano oppure è solo ripugnanza nei confronti di chi è contro le mafie che per la politica restano tuttora un serbatoio di voti? A breve daremo il nostro segnale in Piazza del Viminale e diremo al sottosegretario Molteni che chi ha denunciato la criminalità organizzata rappresenta l'Italia sana e non va trattato come un problema da ignorare ma bensì da risolvere.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy