Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Nella mattinata odierna la Guardia di Finanza di Modena con il supporto di quella delle province di Bergamo, Brescia e Verona ha eseguito una ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 5 persone (tre in carcere e due agli arresti domiciliari) emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Modena su richiesta del Pubblico Ministero. Tutti i soggetti sono indagati assieme ad altre 5 persone per le ipotesi di reato di emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, infedele dichiarazione, indebita compensazione di imposte ed autoriciclaggio.
L'attività di indagine ha consentito di svelare il disegno criminoso degli indagati attraverso tre società, due con sede nella provincia di Modena ed una nella provincia di Brescia - tutte formalmente operanti nel settore edile - ma create con l'unico scopo di assumere solo sulla carta del personale ed utilizzate come centri di imputazione di tasse, oneri fiscali, contributivi, previdenziali ed assistenziali.
In particolare, gli accertamenti svolti hanno consentito di ricostruire che a fronte degli accreditamenti finanziari sui conti delle “società strumento” venivano disposti bonifici a favore di conti correnti esteri (ungheresi, romeni e croati) intestati a soggetti economici stranieri con causali commerciali risultate riferite a operazioni inesistenti aventi quale unico scopo il trasferimento del denaro ed il rientro in contante nelle mani dei soggetti destinatari della misura cautelare odierna.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy