Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

L’ex sindaco di Castelvetrano, Antonino Vaccarino, è morto a 76 anni per arresto cardiaco nel reparto Covid dell’ospedale Pugliese-Ciaccio di Catanzaro in cui era stato trasferito a seguito dell'accoglimento, da parte della corte d'Appello di Palermo, delle istanze presente dai suoi legali.
Le sue condizioni sono peggiorate nelle ultime settimane, in seguito a un'operazione.
Il politico in passato aveva intrattenuto un rapporto epistolare con il superlatitante Matteo Messina Denaro per conto dei servizi segreti tramite nomi in codice, lui si faceva chiamare "Svetonio", Messina Denaro "Alessio". Lo scopo sarebbe stato quello di far catturare il capomafia, ma l’operazione non andò a buon fine. Inoltre l'ex sindaco era in attesa anche di un processo di revisione per una vecchia condanna per traffico di droga e del processo d’Appello per una sentenza del 2019 in cui venne condannato in primo grado a sei anni perché avrebbe ricevuto da un colonnello dei carabinieri (in servizio presso la Dia di Caltanissetta) uno stralcio di una intercettazione che avrebbe poi girato a Vincenzo Santangelo, titolare di un'agenzia funebre, condannato per mafia in passato.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy