Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"L'ennesima scoperta che decine di boss condannati percepiscano il reddito di cittadinanza impone una riflessione seria. È evidente che il meccanismo dell'autocertificazione e l'assenza di controlli preventivi, che garantiscano che il beneficio economico che dovrebbe sostenere persone bisognose vada a chi non lo merita e finanche a chi ha commesso reati gravi come quelli di mafia, producono storture gravissime". A dirlo è Maria Falcone, sorella del magistrato ucciso da Cosa nostra nel 1992 e presidente della fondazione che del giudice porta il nome, commentando l'ultima indagine della Finanza che ha accertato la riscossione del Reddito di cittadinanza. "Stupisce che, con gli strumenti tecnologici oggi a disposizione, che consentono di incrociare i dati delle diverse amministrazioni dello Stato - prosegue - si arrivi ad accertare irregolarità di questa gravità solo dopo molto tempo. Leggere tra gli elenchi dei percettori del Reddito di cittadinanza nomi di mafiosi che già mio fratello aveva indagato oltre 30 anni fa - conclude Maria Falcone - è avvilente. E certamente non fa bene alla credibilità delle istituzioni".

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy