Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il consiglio comunale di Parma ha conferito al generale Carlo Alberto Dalla Chiesa la cittadinanza onoraria alla memoria. L'onorificenza - spiega una nota dell'Amministrazione parmigiana - è stata conferita nel corso di una seduta speciale del consiglio alla presenza, nel rispetto di tutte le regole sanitarie anti-Covid, delle massime cariche civili e militari. La cerimonia ha visto il conferimento della cittadinanza da parte del sindaco, Federico Pizzarotti al figlio del Generale e Prefetto - di cui quest'anno ricorre il centenario dalla nascita - Nando Dalla Chiesa. "Ci sono uomini che rappresentano simboli e virtù - ha osservato il primo cittadino, Federico Pizzarotti - la sua è stata una carriera costellata da una battaglia senza quartiere contro tutto quello che era al di fuori del concetto di Stato. Parma è la città che lo ha accolto e ne custodisce il ricordo. Non c'è più - ha aggiunto - ma vive in noi il suo esempio, il suo coraggio, la sua storia e la sua altezza morale. Oggi è un gran giorno per Parma, perché ritrova un suo figlio, una persona a cui ha voluto bene". Carlo Alberto Dalla Chiesa - assassinato nel 1982 in occasione di un agguato di mafia a Palermo, assieme alla moglie Emanuela Setti Carraro ed all'agente di polizia della scorta, Domenico Russo - è nato a Saluzzo, nel Cuneese, il 27 settembre del 1920 e le sue spoglie riposano nel cimitero della Villetta a Parma. 

Foto © Wikipedia

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy