Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

FIRENZE. Per la prima volta la commemorazione della strage di Via dei Georgofili si tiene senza la storica presidente dell'Associazione dei familiari delle vittime, Giovanna Maggiani Chelli, scomparsa nell'agosto del 2019. La donna, madre di una ragazza rimasta ferita nell'attentato del 27 maggio 1993, e' stata ricordata in apertura della commemorazione online della strage dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e dall'ex procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso. "Con lei - ha detto Rossi - abbiamo perso una donna che con coraggio e tenacia aveva contribuito a tenere viva la memoria e la lotta contro le mafie: nel suo forte impegno civile e morale aveva collaborato intensamente con la Regione per l'affermazione dei valori della legalita'". Giovanna Maggiani Chelli, ha ricordato Grasso, "e' stata uno stimolo continuo, perche' ha seguito tutte le udienze del processo, conosceva tutti gli atti; era una fonte inesauribile anche per i cronisti, e non ha mai smesso di farci domande. Io che ho avuto il privilegio di condurre una parte di quelle indagini, dal '97 al '99, proprio a Firenze, insieme a un'altra persona che ricordo con tanta commozione, il mio collega e amico Gabriele Chelazzi, abbiamo cercato di rispondere piu' possibile a quelle domande".

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy