Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

C’è stata protesta fra i parenti delle vittime della strage di via dei Georgofili, che alle 1.04 dopo la processione laica dietro al gonfalone del Comune, non hanno potuto raggiungere la lapide che ricorda la strage del 27 maggio 1993 per la commemorazione con le istituzioni. Non è la prima volta, è successo anche in passato. In queste occasioni i familiari delle vittime devono avere una loro corretta collocazione, vicino alle istituzioni, serve l’accortezza di riservare uno spazio. Invece, pure stavolta, anche perché pioveva e pure gli ombrelli hanno creato problemi in quel luogo angusto, non avevano potuto arrivare in tempo sul posto. Bastava un po’ di buona volontà e le vittime potevano sentire meglio la vicinanza delle istituzioni. Non ci piacciono le strumentalizzazioni politiche e tanto meno quando la sensazione è fin troppo chiara che solo quello siano. Auspichiamo che l’anno prossimo in via dei Georgofili alle ore 1.04 venga ricordato che i parenti dei morti siamo noi, non la politica.

Giovanna Maggiani Chelli
Presidente
Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy