Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

mattiello davide c emanuele di stefanoVale per lui quello che è stato detto e fatto per Riina 
Roma. Sul caso dell'Utri "è sbagliato buttarla in caciara: sulle cure massima attenzione, ma vale per Dell'Utri quello che abbiamo detto e fatto per Riina. Non esiste un generale principio di incompatibilità tra malattia e detenzione, bisogna valutare caso per caso, trattando tutti con la medesima misura". Lo sostiene il deputato Pd Davide Mattiello. "Nel caso di Riina - ricorda - la Commissione Antimafia grazie alla tempestività della Presidente Rosy Bindi verificò in concreto che le condizioni della detenzione di Riina si realizzavano nel massimo del rispetto delle esigenze di cura, cioè fuori dal carcere, nella struttura ospedaliera di Parma. Tutt'altro - prosegue il deputato - è il tema del reato per il quale Dell'Utri è stato condannato, lo stesso del latitante ex deputato di FI, Amedeo Matacena per intenderci: il così detto 'concorso esterno in associazione mafiosa'. Su questo punto ribadisco il dispiacere per come è stata gestita presso la Cedu la vicenda Contrada, perché credo sia stato un errore grave ritenere il reato di 'concorso esterno' un impossibile reato di origine giurisprudenziale definito soltanto a partire dal '94. La condotta che integra il reato, altro non è che quella descritta dall'incontro degli articoli 110 e 416 bis del codice penale, che semmai la Cassazione con le sue sentenze ha contribuito a perimetrare come fa normalmente con tutti i reati". "Sarebbe meglio per l'Italia che il dibattito si spostasse su un'altra domanda: perché Dell'Utri, come Matacena, come Cuffaro (condannato per favoreggiamento aggravato), non ha mai collaborato con i magistrati?", si chiede Mattiello.

ANSA

Foto © Emanuele Di Stefano

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy