Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

cutro striscione censurato scoutL'Associazione Nazionale Testimoni di Giustizia esprime sdegno e disappunto per la decisione di far ritirare lo striscione esposto dal gruppo scout di Palermo che riporta la frase di Ignazio Cutrò "In culo alla mafia". Sinceramente, affermano in coro i testimoni di giustizia, non comprendiamo la scelta moralista e del politicamente corretto del responsabile regionale dell'agesci signor Semprevivo. In un mondo dove anche tra i giovanissimi si diffonde la cultura della legalità, impedire la libera espressione e partecipazione  pubblica solo per una frase giudicata non appropriata appare una scelta sconsiderata. Sarebbe come dire censurare Peppino Impastato solo perché affermava che la mafia è una montagna di merda e lo gridava a tutto il paese. Stigmatizziamo con forza la censura ad opera del responsabile regionale degli scout che offende e umilia coloro che con sprezzo del pericolo si sono opposti alle mafie. Ci aspettiamo delle scuse pubbliche, ci aspettiamo che l'Agesci chieda pubblicamente scusa ai giovani  scout per una azione frutto di un grave errore di coscienza.

ARTICOLI CORRELATI

«In c...alla mafia», censurato lo striscione dei giovani scout

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy