Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

via dei georgofili 7Si avvicina il venticinquesimo anniversario della strage di via dei Georgofili, cifra tonda appetibile per quanti cercano spazi e visibilità, cosa che guardiamo inevitabilmente con sospetto, perché il ventiquattresimo e il ventitreesimo anniversario nulla avevano di diverso per noi.
Non sono andate distrutte solo molte opere alla Galleria degli Uffizi il 27 Maggio 1993 alle 1.04.
Sono morte soprattutto cinque persone e 48 ne sono rimaste massacrate nel fisico e nella mente.
Detto questo non è che guardiamo negativamente alla raccolta fondi per la restaurazione, sembra dell’ultimo quadro distrutto, con il tritolo mafioso e la collusione nuova politica nascente nel 1993.
Certo è che ci aspettiamo che il venticinquesimo anniversario della strage di via dei Georgofili sia qualcosa di più di un quadro restaurato, sia una richiesta unanime di verità sulla strage di via dei Georgofli, perché per adesso la giustizia completa sul massacro del 27 Maggio 1993 langue e i restauri per noi sono almeno a terzo posto in ordine di importanza, infatti: prima la giustizia penale, poi quella civile e dopo caso mai i restauri dei quadri lesionati.

Giovanna Maggiani Chelli
Presidente
Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy